20161208_211435Tra i piatti più conosciuti della cucina Ungherese troviamo senza dubbio il “Gulash”. La sua preparazione è piuttosto laboriosa ma alla fine la fatica viene ben ripagata da questo piatto tradizionale molto saporito. Una pietanza dalle origini molto antiche e soprattutto povere. Infatti ha origine al tempo in cui i mandriani Ungheresi (i Gulyas) si spostavano dalla Puszta nei paesi vicini per portare la carne sui banchi dei mercati. Per sfamarsi durante questi viaggi preparavano appunto questo saporitissimo piatto. Pian piano il gulash ha cominciato a diffondersi anche in Europa in Germania (famoso il gulash alla tedesca), in Polonia ed in Austria. Come abbiamo detto il piatto è a base di carne che può essere sia di manzo che di vitello e preparato con altrettante cipolle aromatizzato dalla paprika e si presenta come uno spezzatino piuttosto brodoso. Avendo nominato la paprika vi aspettereste un piatto molto piccante, ma non è così in quanto viene utilizzata paprika dolce molto utilizzata nella cucina Ungherese. Per la sua consistenza il gulash può essere servito sia come secondo piatto che come piatto unico. Come vedrete in seguito la preparazione è lunga(circa 3 ore di cottura)quindi potete preparare il gulash in anticipo e conservarlo per alcuni giorni in frigorifero e al momento di servirlo scaldarlo aggiungendo un po’ di acqua se non si dispone più del brodo

Ingredienti per 4/6 persone:

800 gr di polpa di vitello, 700 gr di cipolle, 2 spicchi di aglio, 2 peperoni verdi, 2 pomodori rossi, 500 gr di patate, 1 bicchiere di vino rosso, 50 gr di strutto, 2 carota, 1 cucchiaio raso di cumino in polvere, 2 cucchiai rasi di paprika dolce in polvere, brodo di carne q.b., sale q.b., pepe q.b.

Preparazione:

Preparate il brodo di carne  la ricetta descritta. 20150321_233707-1024x576

Una volta pronto il brodo, tenetelo in caldo e cominciate a prepararvi gli ingredienti  necessari per la preparazione del gulash. Mondate e tritate finemente le cipolle.

20161208_105648

20161208_110807

Mondate le carote e tagliatele a cubetti.

20161208_120429

Fate sciogliere lo strutto in una capiente pentola e

20161208_114827

appena sarà completamente sciolto e caldo aggiungete le cipolle e fatele appassire per circa 15 minuti.

20161208_115036Appena la cipolla comincia a diventare trasparente aggiungete gli spicchi di aglio mondati e schiacciati,

20161208_120609

a seguire le carote tagliate e il cumino.

20161208_120704

Mescolate bene e lasciate insaporire per alcuni minuti. Tagliate la carne a pezzi come un normale spezzatino,

20161208_121139

aggiungetela al soffritto e

20161208_121153

fatela sigillare bene su tutti i lati mescolando continuamente dopo di che sfumate con il vino rosso

20161208_121627

20161208_121721

facendolo evaporare completamente. Una volta consumato il vino, aggiungete la paprika,

20161208_122639

salate, pepate, abbassate la fiamma, aggiungete un mestolo di brodo caldo e lasciate cuocere per circa un’ora coperto mescolando di tanto in tanto, aggiungendo eventualmente altro brodo se si dovesse asciugare troppo. Nel frattempo che la carne cuoce, sbucciate le patate, sciacquatele sotto l’acqua corrente e tagliatele a dadi grossolani.

20161208_130830

Tagliate i peperoni eliminate i semi e i filamenti bianchi e tagliateli a dadini.

20161208_104326

20161208_110813

Tagliate anche i pomodori, eliminate i semi e tagliate anch’essi a cubetti.

20161209_184342

     20161208_131506Trascorso il tempo di cottura aggiungete le patate, i pomodori e

20161208_131521

a seguire i peperoni tagliati. Coprite il tutto con il brodo caldo e lasciate cuocere per un’ora e mezza circa mescolando spesso. Se si dovesse asciugare troppo aggiungete dell’altro brodo.

20161208_154017

Evitate di aggiungere troppo  brodo  caldo verso la fine di cottura, il gulash va servito piuttosto denso e cremoso, al contrario se lo preferite più brodoso a fine  cottura aggiungetene un po’. Alla fine della cottura, aggiustate di sale, aggiungete una generosa macinata di pepe nero, mescolate bene e lasciate riposare alcuni minuti prima di servirlo.

20161208_211435

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *