Un primo piatto a base di pesce molto gustoso e delicato. Il tutto aromatizzato e colorato dallo zafferano e da taralli napoletani (sugna e pepe). Come formato di pasta ho utilizzato dei paccheri ma utilizzando un formato di pasta fresca all’uovo sicuramente il piatto prende una marcia in più

Ingredienti per 4 persone:

320 gr di pasta corta tipo paccheri, 2 porri di media grandezza, 400 gr di gamberoni, 2 bustine di zafferano, 15 gr di stimmi di zafferano, 1 tarallo, 1 costa di sedano, 1 cipolla, 1 carota, olio extravergine. un ciuffo di prezzemolo, q.b., sale q.b. pepe q.b.

Preparazione:

Pulite i gamberoni eliminando il carapace e le teste. Assicuratevi di lasciarne 4 interi per la decorazione finale del piatto. Versate gli scarti in un tegame e preparate un brodo aggiungendo il sedano, la carota e 1 cipolla.

Finite di pulire i gamberoni eliminando anche il budellino dal dorso. Eliminate le foglie più esterne dei porri, sciacquateli sotto l’acqua corrente e dopo averli asciugati tamponandoli con della carta da cucina, tritateli finemente.

Mettete in infusione gli stimmi di zafferano con un mestolo di brodo bollente e lasciatelo riposare per almeno 30 minuti.

Scaldate l’olio in una padella capiente, una volta caldo fate soffriggere a fuoco vivace i porri.

Appena si sarà asciugata l’acqua di vegetazione e cominceranno a colorire, aggiungete i gamberoni e fateli saltare qualche minuto.

Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, aggiungete le bustine di zafferano e portatela a bollore.

Salate leggermente i gamberoni, pepate. Mescolate tutto, spegnete il fuoco e tenete in caldo. Appena l’acqua aromatizzata avrà raggiunto il bollore, buttate i paccheri e salate.

Controllate la cottura consigliata calcolando che li dovrete scolare a 3/4 di cottura. Poco prima di scolare la pasta accendete nuovamente il fuoco sotto la padella con il condimento, e appena vedete che comincia a bollire scolate la pasta all’interno del contenuto.

Portate a cottura giusta i paccheri aggiungendo man mano che si consuma il brodo.  A un minuto dalla cottura giusta della pasta, aggiungete i pistilli di zafferano messi in infusione precedentemente

     

Saltate la pasta per amalgamare ed insaporire il tutto, aggiungete una generosa manciata di prezzemolo tritato e impiattate decorando con il gamberone intero tenuto da parte e il tarallo sbriciolato.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *