Come da tradizione di alcune città Italiane la festa del primo di maggio è usanza il picnic a base di fave, pancetta e pecorino. Visto che siamo prossimi alla festa dei lavoratori proponiamo lo stesso menù ma abbinato ad un risotto.

Ingredienti per 4 persone:

320 gr di riso tipo carnaroli, 1 kg di fave fresche, 150 gr di pancetta (in alternativa del guanciale), 200 gr di formaggio pecorino sardo di media stagionatura, 1 bicchiere di vino bianco secco, 1 piccola cipolla, 5o gr di burro, olio extravergine q.b., sale q.b., pepe q.b., brodo vegetale q.b.

Preparazione:

Cominciate con il preparare il brodo vegetale  secondo la ricetta descritta.

Pulite le fave eliminando i baccelli.

Portate a bollore una capiente pentola con acqua salata. Appena raggiunge il bollore e fate cuocere le fave

per circa 8 minuti dalla ripresa del bollore. Trascorso il tempo, scolate le fave e lasciatele raffreddare in una ciotola con acqua e ghiaccio in modo da non fargli perdere il colore. Mondate e tritate finemente la cipolla e tritate grossolanamente anche la pancetta.

     

Sciogliete la metà burro con un filo di olio e quando ben caldo fate rosolare la cipolla tritata.

Appena la cipolla comincia a colorire aggiungete la pancetta tritata

lasciatela rosolare qualche istante dopo di che scolate bene le fave ed aggiungetele alla preparazione.

Rosolate bene il tutto a fuoco vivace per fare insaporire bene il tutto facendo ben attenzione a non farli attaccare. Aggiungete il riso e

fatelo tostare bene. Quando il riso sarà bello brillante e ben tostato sfumate con il vino bianco

facendolo evaporare completamente. Una volta sfumato il vino, abbassate il fuoco e cominciate la cottura del risotto aggiungendo il brodo caldo man mano che si consuma. Mescolate di tanto in tanto facendo attenzione a non farlo attaccare.

A metà cottura del riso salate e pepate a piacere. Continuate a cuore sino a cottura ultimata. Una volta al dente, spegnete il fuoco aggiungete il resto del burro e il pecorino grattugiato.

     Mantecate bene il tutto sino ad ottenere un risotto cremoso. Lasciatelo riposare alcuni istanti prima di impattare. Servite decorando il piatto con delle listarelle di pecorino intere e

se le gradite qualche fava fresca tenuta da parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *